Salta il menu di scelta rapide e vai al contenuto

Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna

Torna alle scelte rapide

Argentiera, Nurra, Gallura - Caccia ai tesori geologici tra riserve marine e terrestri

Area Geografica Argentiera, Nurra, Gallura

L’area di Argentiera, Nurra, Gallura è suddivisa in due parti: la prima interessa il settore occidentale della Nurra (Sardegna nord-occidentale) e si estende dai siti minerari dell’Argentiera e di Canaglia fino al promontorio di Capo Caccia, e comprende, a S della città di Alghero, l’antica miniera di rame di Calabona.

La seconda parte di quest’area è, invece, essenzialmente puntiforme e comprende diverse antiche cave di granito situate nella Gallura nord-orientale.

Le aree minerarie dell’Argentiera e di Canaglia hanno costituito nel secolo scorso il più importante distretto metallifero della Sardegna settentrionale: la prima per la consistenza dei giacimenti metalliferi di piombo, zinco, argento, sfruttati sin dai tempi della colonizzazione romana, la seconda per il ferro.

Oggi, terminate le attività estrattive, queste aree minerarie costituiscono un tipico esempio di archeologia industriale.

All’Argentiera, in particolare, per iniziativa dell’Amministrazione Comunale di Sassari, sono diversi i progetti di restauro di alcune strutture minerarie importanti come il pozzo Podestà e la Laveria.