Salta il menu di scelta rapide e vai al contenuto

Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna

Torna alle scelte rapide

Johann Georg Bornemann e il Borgo di Ingurtosu

 

Banner_Bornemann

 

Dalle ingiallite carte degli archivi storici, grazie al costante lavoro degli archivisti, emergono ogni giorno nuovi documenti su quella che non a caso è stata definita la grande epopea dell’attività mineraria in Sardegna.

 Particolarmente interessante si rivela un carteggio emerso in tempi recenti riguardate la figura di uno dei tecnici minerari che nella seconda metà del XIX secolo è stato fra i più attivi in Sardegna: l’illustre studioso tedesco Johann Georg Bornemann.

 Uno studioso illustre

Bornemann era nato a Mühlhausen il 20 Maggio 1831, ultimogenito di una famiglia della benestante borghesia mercantile della Turingia.  Cresciuto in un contesto europeo fortemente influenzato dalla cultura industriale, sviluppò fin da giovane un grande interesse per l’osservazione della Natura. Botanico, geologo e paleontologo, si formò e perfezionò nelle università di Lipsia, Gottinga e Berlino.

 Nel corso della sua carriera di erudito studioso e attento ricercatore, Bornemann seppe costruire una fitta rete di relazioni coi più importanti esponenti della politica, dell’industria e del mondo accademico italiano e del suo paese d’origine.  Nella seconda metà dell’Ottocento ricoprì vari incarichi direzionali nelle Miniere di Gennamari e Ingortosu.

Era giunto per la prima volta nell'Isola nel mese di novembre del 1857, dove su incarico dell’Università di Lipsia avrebbe verificato le effettive potenzialità dell’incipiente industria mineraria isolana.  Si può dire che fu amore a prima vista, dal momento che lo scienziato tedesco ebbe modo di tornare più volte in Sardegna, affascinato dalla sua natura, dalla sua geologia e dall’affabilità degli abitanti.

 Nel 1864, il Bornemann si trasferiva a Eisenach in Turingia, dove aveva acquistato estese proprietà. Nella quiete della sua casa di campagna poté finalmente attendere agli amati studi geologici e naturalistici e dare adeguata sistemazione alle sue molteplici collezioni politematiche annoveranti numerosi reperti provenienti  dall’isola.  I lunghi anni di studio e forse più ancora gli impegnativi viaggi intrapresi fin nelle più remote plaghe della Sardegna, minarono la fibra dell’insigne studioso. Dopo numerosi attacchi cardiaci,  si spegneva il 5 Luglio 1896.

L'attività in Sardegna

Il ricordo di questo geniale e poliedrico personaggio è oggi ben vivo in Sardegna. Nell’area mineraria di Ingurtosu si erge ancora il maestoso Palazzo della Direzione che Bornemann volle nelle forme di un antico castello medievale.

 Costruito sotto la direzione dell'Ingegner Hoffmann, l'imponente fabbricato rammentava la tradizione costruttiva Nord-Europea ed in particolar modo il castello di Wartburg, edificato intorno all'anno 1000 proprio ad Eisenach.  La sua costruzione durò diversi anni, durante i quali si apportarono numerose variazioni al progetto originario. I lavori vennero conclusi dal figlio Viktor Bornemann, ingegnere e Direttore della Società Mineraria Gennamari - Ingurtosu dal 1884 al 1894.  All'interno del palazzo, furono sistemati gli uffici della Direzione della miniera di Ingurtosu, i laboratori scientifici nonché l'appartamento del direttore. Tutto restò immutato per l'intero periodo dell'attività della miniera di Ingurtosu.

 L'edificio si erge maestoso sulla strada proveniente da Montevecchio. Il suo grande e caratteristico arco è quasi una simbolica porta del tempo dalla quale è possibile accedere ad un lontano passato, quando Ingurtosu era un vivace ed animato il borgo minerario.  Il volumi dell'edificio seguono l'andamento del rilievo su cui sono abbarbicati. Il corpo di fabbrica principale si sviluppa su cinque livelli fuori terra. Al corpo principale si uniscono i due piani del corpo minore alla quota del livello stradale.

 Gli eleganti prospetti, caratterizzati dal paramento murario in granito arburese, sono scanditi da corsi di suggestive finestre monofore e bifore in stile neogotico. L'ingresso è ubicato sul fronte est e vi si accede da un terrazzamento in muratura.  Alla quota del primo livello, lungo la strada, si trova un portone d'ingresso in legno inserito in un'arcata a tutto sesto, elegantemente inserito al centro della facciata.

 Poco al di sopra una originale teoria di sei monofore gotiche a sesto acuto contribuiscono a ingentilire il breve prospetto che quasi pare contrapporsi alla monumentalità di quello che incombe sulle poche case ancora oggi abitate del silente borgo di Ingurtosu.  Gli spazi interni dell'edificio erano organizzati con ordine e funzionalità. Al piano terra erano sistemati gli uffici amministrativi della miniera comunicanti fra loro.

 Lungo il corridoio si affacciavano i diversi locali che un tempo ospitavano gli impiegati. Un vano di raccordo consentiva l'accesso ad altre stanze disposte sull'altra ala del palazzo.  Una scala conduceva ai piani superiori. Da un disimpegno posto al centro del corpo di fabbrica maggiore si dipartivano due corridoi sui quali si affacciavano altri uffici e le sale di rappresentanza. Da una porta posta sul vano scala si accedeva infine al disimpegno del terzo piano destinato all'abitazione del direttore.

L'arrivo di Victor Bornemann

 Questi ambienti tuttavia non ospitarono mai l'illustre studioso di  Eisenach. Accolsero per molti anni il figlio Victor con la sua famiglia, il quale, al pari di suo padre imparò ad amare l'Isola dove a lungo visse e lavorò.

Questi, rientrato in Germania dopo gli anni trascorsi in Sardegna, non dimenticò mai la piccola patria che lo accolse, e certo pose questa immagine tra i ricordi della vita di un tempo e che allora furono sicuramente fra i più cari.

Il Simposio Internazionale dedicato alla figura di Johann Georg Bornemann. Cagliari - Montevecchio. Maggio 2014

Nel 2014 il Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna e l’Università degli Studi di Cagliari, Dipartimenti di Scienze Chimiche e Geologiche e di Storia, Beni Culturali e Territorio, con il concorso della Regione Autonoma della Sardegna, della Provincia di Cagliari, del Comune di Cagliari, dei Comuni di Guspini e Arbus, dell’IFRAS, hanno organizzato un Simposio Internazionale intitolato Johann Georg Bornemann. 1831 - 1896. Un naturalista imprenditore nella Sardegna dell’Ottocento. L’evento ha riscosso un notevole successo ed ha consentito di presentare al grande pubblico la figura di uno scienziato di straordinario valore.

 

Un intenso ritratto di Johann Georg Bornemann

Un intenso ritratto di Johann Georg Bornemann

 

Una veduta centro di Eisenach nei primi anni del 900

Una veduta centro di Eisenach nei primi anni del 900

 

La residenza di Bornemann a Eisenach

La suggestiva residenza di Bornemann a Eisenach

 

Ingurtosu 1875. Il palazzo della direzione in fase di ultimazione

Ingurtosu 1875. Il palazzo della Direzione in fase di ultimazione

 

Il castello di Wartburg in una immagine d'epoca

Il Castello di Wartburg in una immagine d'epoca

 

Il Borgo minerario di Ingurtosu in una immagine degli anni 10 del secolo scorso

Il Borgo minerario di Ingurtosu in una immagine degli anni 10 del secolo scorso

 

1960 Una veduta delBorgo minerario di Ingurtosu

1960. Una veduta del Borgo minerario di Ingurtosu

 

1960 Un'altra prospettiva del Borgo

1960. Un'altra prospettiva del Borgo

 

Prospetto dei lavori presso le Miniere di Ingurtosu e Casargiu

Prospetto dei lavori presso le Miniere di Ingurtosu e Casargiu. Ultima decade del XIX secolo

 

La pubblicazione sulla stratificazione Cambrica in Sardegna

Una pubblicazione di Bornemann sulla stratificazione Cambrica in Sardegna

(Arch. Prof. Gian Luigi Pillola)

 

Una veduta della Direzione come si presenta oggi. Notare le eleganti finestre in stile neogotico

Una veduta della Direzione come si presenta oggi

 

. Notare le eleganti finestre in stile neogotico

Le eleganti finestre in stile neogotico

 

L'accesso sud della palazzina della Direzione

L'accesso sud della palazzina della Direzione al tramonto. Sullo sfondo si riconosce il campanile della Chiesa dedicata a Santa Barbara inaugurata nel 1916

 

Veduta aerea del complesso monumentale del Palazzo della Direzione

Veduta aerea del complesso monumentale del Palazzo della Direzione

(Foto. Gianni Alvito)

 

un ritratto di Viktor, Ingegnere e Direttore della Società Mineraria Gennamari - Ingurtosu dal 1884 al 1894

Un ritratto di Viktor Bornemann in costume sardo. Dal 1884 al 1894 fu il Direttore della Società Mineraria Gennamari - Ingurtosu

 

Il pubblico in sala a Montevecchio durante i lavori

Simposio Internazionale dedicato alla figura di Johann Georg Bornemann

Montevecchio, 15 maggio 2014. Il Professor Gian Luigi Pillola, all'epoca Commissario Straordinario del Parco Geominerario, curatore scientifico dell'Evento, durante la cerimonia di apertura dei lavori

 

Montevecchio. Palazzina della Direzione

Simposio Internazionale dedicato alla figura di Johann Georg Bornemann

Maggio - Giugno 2014. Montevecchio. Palazzina della Direzione. La mostra storica curata dal Parco Geominerario dedicata a Bornemann e il suo tempo

 

 

Testi, fotografie e documentazione storica, Alberto Monteverde - Gianni Alvito, Gian Luigi Pillola