Salta il menu di scelta rapide e vai al contenuto

Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna

Torna alle scelte rapide

Carbonia

 

Carbonia Banner

 

La città di Carbonia rappresenta il tipico insediamento urbano concepito a bocca di miniera. Fu infatti realizzato a poca distanza della grande Miniera di Serbariu, all'epoca tra gli impianti più moderni d'Europa. Si tratta forse della più importante e ambiziosa tra le città di fondazione realizzate dal Regno d'Italia. I lavori per la sua edificazione durarono meno di un anno. L’inaugurazione avvenne 18 dicembre 1938 alla presenza del Capo del Governo.

Il piano di fondazione, redatto da Ignazio Guidi e Cesare Valle, con la collaborazione di Gustavo Pulitzer Finali, prevedeva una popolazione di 20000 abitanti, poi aumentata a 35000 nel piano di ampliamento redatto da Eugenio Montuori.

Il fulcro della città è la piazza, articolata in un sistema di spazi che si raccolgono intorno al nucleo centrale. Qui, come nelle antiche città medievali, si affacciano i principali edifici pubblici: il Municipio, realizzato su progetto di Enrico Del Debbio, la Torre Littoria e il Dopolavoro, opera di Gustavo Pulitzer-Finali, l'edificio delle Regie Poste, edificato su progetto di Raffaello Fagnoni, la Chiesa di San Ponziano, concepita da Cesare Valle e Ignazio Guidi.

Di rilevo anche l'Albergo per gli Impiegati e la Scuola Elementare, oggi Liceo Classico. Poco distante dal centro, immersa nel verde, si erge la villa del Direttore della Miniera, progettata da Eugenio Montuori, attuale sede del Museo Archeologico "Villa Sulcis".

Cortoghiana

A pochi chilometri dal centro minerario si trova la frazione di Cortoghiana realizzata a partire dal 1939 e concepita con l'originario nome di "Villaggio Umberto", in onore di Umberto II di Savoia. Il borgo fu inaugurato il 15 maggio 1942 alla presenza del Capo del Governo. Di particolare rilievo l'impianto urbanistico razionalista dell'abitato e la vasta Piazza Venezia con la Parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù, realizzata negli anni cinquanta del secolo scorso.

 

Carbonia pubblicita

 

Carbonia costruzione

Carbonia 1938. La Piazza Roma in fase di realizzazione. In basso  sinistra una Fiat 500 "Topolino" di proprietà di uno dei tecnici impiegati nel cantiere

 

Carbonia in costruzione 02

1938. Gli edifici adiacenti alla Torre Littoria quasi ultimati

 

Carbonia 1938

Inaugurazione di Carbonia, 18 dicembre 1938. Mussolini arringa la folla dalla Torre Littoria

 

Carbonia Panorama

1940. Le case dei minatori, bianche di fresca calcina, disposte con rigoroso ordine geometrico. Sullo sfondo si riconoscono gli impianti della Miniera di Serbariu

 

Carbonia Piazza Roma

1940. Piazza Roma

 

Carbonia torre littoria

1940. La Torre Littoria

 

Giovanni Marras Minatori a Carbonia 1939_1940

Giovanni Marras. 1940. Minatori di Carbonia. Xilografia. Con il fratello Enea, Giovanni Marras, incisore, pittore e squisito decoratore, fu allievo di Remo Branca

 

Carbonia Scuole Elementari

Anni 40 del secolo scorso. L'edifico della Scuola Elementare realizzato su progetto di Eugenio Montuori

 

Carbonia Albergo Centrale

Anni 40 del secolo scorso. Cespugli fioriti all'ingresso dell'Albergo Centrale

 

Anni 50 del secolo scorso. Il Bar Centrale annesso all'omonimo albergo

 

Carbonia Piazza Mercato

Anni 50 del secolo scorso. La Piazza del Mercato

 

Carbonia Giardini Pubblici

Anni 50 del secolo scorso. I Giardini Pubblici. Giochi d'acqua con la bella vasca

 

/Carbonia Via Satta

Anni 50 del secolo scorso. Incrocio di Via Satta

 

Carbonia Panorama

Anni 60 del secolo scorso. Panorama

 

Anni 60 del secolo scorso. Viale Gramsci

 

1938. il Campanile della Chiesa di San Ponziano ormai ultimato

 

L'abside della Chiesa di San Ponziano

Anni 50 del secolo scorso. L'abside della Chiesa di San Ponziano

 

Carbonia San Ponziano Abside

Anni 50 del secolo scorso. L'altare maggiore e l'abside della Chiesa di San Ponziano

 

Carbonia San Ponziano Abside_oggi

L'interno della Chiesa di San Ponziano come si presenta oggi

 

San Ponziano

L'ingresso della Chiesa. L’ampio rosone che si apre sulla facciata un tempo era impreziosito da una vetrata dipinta da Filippo Figari, perduta durante la Seconda Guerra Mondiale

 

Piazza Roma

Veduta notturna della Piazza Roma

 

Cortoghiana Saluti

 

 

Cortoghiana 1939. Il plastico di Piazza Venezia

 

/Cortoghiana Piazza Venezia_1940

1940. Piazza Venezia

 

Cortoghiana Piazza Venezia

1950. Piazza Venezia. La fontana

 

/Cortoghiana Piazza Venezia_02

1960. Piazza Venezia. Sulla sinistra gli ariosi portici

 

Piazza Venezia, oggi

Piazza Venezia, oggi. sullo sfondo la Parrocchiale intitolata al Sacro Cuore di Gesù, realizzata negli anni cinquanta del secolo scorso

 

Piazza Venezia. La fontana

Piazza Venezia. La fontana

 

Piazza Venezia_portici

Piazza Venezia. I portici con le loro severe simmetrie

 

 Piazza Venezia_antiche insegne sotto i portici

 Piazza Venezia. Antiche insegne sotto i portici

 

 A cura del Consorzio del Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna

Testi, fotografie e documentazione storica, Alberto Monteverde