Salta il menu di scelta rapide e vai al contenuto

Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna

Torna alle scelte rapide

Batteria antinave "Ammiraglio Camillo Candiani" - Sant’Anna Arresi

alt

L'opera Antinave "Ammiraglio Camillo Candiani" è ubicata nel territorio di Sant’Anna Arresi, in località Punta Menga, a poca distanza dalla frazione di Porto Pino. Dalla postazione si domina tutto il Golfo di Palmas e l'isola di Sant'Antioco. L’impianto, immerso in una bella pineta, appare oggi ancora in buone condizioni.

Di particolare interesse la struttura della centrale di tiro di chiare forme razionaliste che richiamano quelle della centrale della batteria di Capo Altano. Il piano terra ospitava la camera operatori ed il centralino telefonico. Al livello superiore vi era collocato il telemetro con una postazione scoperta antistante per il gimetro. L'edificio meriterebbe un intervento di restauro poiché costituisce un interessante esempio d'architettura militare. Sono altresì ben conservate le piazzole che un tempo ospitavano le artiglierie.

alt

Compito - La Candiani, col concorso della Batteria Sogliuzzo di Capo Sperone, doveva interdire l’accesso al Golfo di Palmas, assicurando la difesa del Porto di Sant’Antioco.

Armamento principale - 4 cannoni da 120/45 su affusto a culla e a piattaforma, mod. Armstrong 1918.

Munizionamento - 3198 proietti e 1483 cariche, ripartiti fra 2 depositi munizioni e 16 riservette (4 per piazzola).

Mitragliere - Per la difesa antiaerea a bassa quota erano disponibili 2 Oerlikon da 20 mm con 1746 colpi per arma. La difesa delle postazioni era affidata ad una Breda 37 da 8 mm con 11822 colpi tra perforanti e traccianti, e a due Colt mod. 15 con circa 6000 colpi per arma.

Apparecchiature di tiro - La stazione di tiro era dotata di telemetro Barr & Stroud da m 2,74 di base (sostituito nel 1943 con uno Zeiss da 3 m), cronoindicatore meccanico Borletti - Olap, gimetro Orlandi & Buralli e tavolo previsore Sias.

Organico - Il personale comprendeva 3 ufficiali d’artiglieria ed un centinaio di marinai. Era disponibile un rifugio antiaereo in calcestruzzo di dimensioni adeguate. 

Attività bellica - L’installazione fu consegnata alla Regia Marina il 4 giugno 1935, risultando operativa allo scoppio della seconda guerra mondiale. Nel corso del conflitto i cannoni della Candiani non ebbero modo d'entrare in azione. E’ invece probabile che le mitragliere pesanti abbiano effettuato non pochi interventi a fuoco contro i velivoli da caccia statunitensi nel maggio-settembre 1943. Il 22 ottobre 1943 la batteria passò in forza al XIV Gruppo d’Artiglieria da Posizione Costiera, venendo classificata come 272ª.

alt

Informazioni utili

Viabilità: superata la frazione di Porto Pino, strada sterrata in direzione di Punta Menga.

Accessibilità: agevole, raggiungibile con vettura propria e brevi tratti a piedi.

Visita: Il sito è di libero accesso.

Tempo della visita: circa 1 ora.

Bibliografia

A. Monteverde - E. Belli, Ad Quartum Lapidem. Insediamento e difesa del territorio nella Sardegna meridionale, Cagliari 2001

A. Monteverde - E. Belli, Guerra! La Sardegna nel secondo conflitto mondiale, Cagliari 2003